Centro Specialistico
di Odontoiatria, Parodontologia,
Implantologia ed Estetica Dentale

Ozonoterapia

Tra tutti gli elementi di cui ha bisogno l’organismo umano, l’ossigeno è l’unico la cui mancanza provoca una morte rapida in solo qualche minuto. L’organismo umano è costituito in proporzione dal 70% acqua, la cui forma molecolare è formata da 8/9 di ossigeno.

La storia dell’ozono e le sue applicazioni mediche

Nel 1840, il chimico tedesco Christian Friedrich Schonbein scopre l’ozono, elemento composto da 3 atomi di ossigeno invece di 2, al contrario di quello presente nell’atmosfera.

Nel 1880 in America venivano pubblicati i primi studi medici che attestavano l’efficacia terapeutica dell’ozono. Il primo inventore di un apparecchio generatore di ozono è stato il famoso inventore Nikola Tesla.

Nel 1926, il Dr. Otto Heinrich Warburg vincitore del premio Nobel, mostra in una delle sue ricerche, che la causa principale delle malattie degenerative, specialmente il cancro, è il deficit di ossigeno a livello cellulare. Allo stesso tempo, altri agenti patogeni (funghi, batteri, parassiti, virus) non possono sopravvivere in un ambiente fortemente ossigenato.

I direttori delle principali istituzioni mediche statunitensi, in una pubblicazione scientifica del 1929 ( ingiustamente caduta nell’oblio) intitolata ‘’L’ozono e le sue applicazioni terapeutiche’’, enumeravano ben 114 infezioni e malattie nelle quali l’uso di ozono si rivelava estremamente efficace.

Un altro studio del 1980, realizzato da F. Sweet insieme ai suoi collaboratori e pubblicati sulla rivista Science, ha fornito prove in vitro che l’ozono impediva la proliferazione delle cellule neoplastiche col 90% di successo.

Nel 2003, i ricercatori dell’istituto Scripps in California hanno scoperto che durante il processo di reazione immunitaria alle infezioni, l’organismo produce ozono con l’aiuto del quale vengono distrutti gli agenti patogeni che lo stanno aggredendo.

Oggi l’ozonoterapia è il segreto della longevità della regina Elisabetta, nonché della bellezza e del vigore delle star di Hollywood e di vari sportivi come Barrichello, Zidane, Beckam, Tiger Woods, e tanti altri.

Gli effetti terapeutici dell’ozono

Controindicazioni

Le controindicazioni sono pochissime. Alcuni tipi di applicazione dell’ozonoterapia non possono essere somministrate durante la gravidanza. Allo stesso tempo, l’ozonoterapia è controindicata in caso di ipertiroidismo, ipertensione arteriosa severa e incontrollabile, infarto miocardico recente e deficit di G6PDH, un enzima che facilita l’assorbimento di ozono nell’organismo.

Conclusioni

Al di là di tutti questi effetti sull’intero organismo, l’azione topica nella cavità orale si è dimostrata molto efficiente su tutti i tipi di stomatite, gengivite, parodontosi, lesioni tumorali e patologie dolorose, soprattutto per i suoi effetti immunoregolatori e miorilassanti.

Essendo una soluzione ideale e totalmente naturale a tanti problemi e patologie del cavo orale, l’ozonoterapia è uno dei trattamenti che amiamo di più, considerato la non invasività e il vasto spettro di notevoli effetti terapeutici.